Recèrca

sus 3
Filtrar
Filtres actifs
Langue : ita
Sauf
Auteur : Sabrina Cepeda
Dialecte : Provençal
Auteur : Laupies, Mélanie
ita (28)
oci (12)
fre (11)
lat (2)
cat (1)
eng (1)
pro (1)
spa (1)
/ Data : 2003 -

Espaci Occitan est une association qui regroupe plusieurs acteurs publics du territoire occitanophone italien. Elle a pour objectif la valorisation linguistique, culturelle et touristique des "Valadas occitanas".


Son activité s'articule autour de trois pôles : l’Istituto di Studi Occitani et sa médiathèque spécialisée ; le musée Sòn de Lenga, qui offre une immersion dans l'histoire et la culture occitane à travers un dispositif de visite interactif ; et le guichet linguistique, qui propose des services de traduction, de formation en ligne et en présentiel. 


L'Espaci Occitan, en partenariat avec l’Assessorato alla Cultura de la Region Piemonte e l’Université Italo-Francese, organise depuis 2002 un concours pour promouvoir la recherche universitaire sur les vallées occitanes d'Italie. Dans le cadre de la convention de coopération entre l'Espaci Occitan et le CIRDOC, ces travaux de recherche sont progressivement publiés dans Occitanica.

Mise en ligne : 16/01/2020
Tipe : Memòri universitari / Data : 2004

Elena Giordanengo, étudiante en philologie germanique, se penche sur le parler de son village d'origine, Peveragno (Piémont, Italie).

Elle explique dans son introduction qu'elle a souhaité pour son mémoire de fin d'études, concilier sa formation et sa passion pour les traditions et l'histoire locale.

Le mémoire s'articule en trois parties. Dans la première, l'auteur retrace l'histoire de la région et du village, à travers les données archéologiques et écrites. Dans la seconde Elena Giordanengo analyse le dialecte de Peveragno en s'appuyant sur des collectages et dans la dernière elle identifie et explique le lexique d'origine germanique dans ce dialecte.

Mise en ligne : 16/01/2020
Appartient à :

Ce document fait partie des mémoires rassemblés par Espaci Occitan dans le cadre du concours organisé pour valoriser la recherche sur le territoire des vallées occitanes italiennes.


Consulter l'ensemble des mémoires primés par Espaci Occitan


Aquel document fa part dels memòris recampats per Espaci Occitan dins l'encastre d'un concors organizat per avalorar la recèrca sul territòri de las valadas occitanas italianas.


Consultar l'ensems dels memòris primats per Espaci Occitan
Tipe : Son documentari / Data : 2015-05-21
Discutida de Joan-Claudi Forêt e Joan-Ives Casanova amb Fausta Garavini a l'entorn de son òbra literària lo 21/05/2015 al CIRDÒC a l'escasença de la donacion del fons occitan de l'autora e la cercaira en domèni occitan al CIRDÒC-Mediatèca Occitana.
Mise en ligne : 16/01/2020
Tipe : Memòri universitari / Data : 2008-2009
Ce mémoire universitaire en italien soutenu par Elisa Fantino est une étude sur un projet de revitalisation économique d'un territoire de montagne marqué par un important dépeuplement au cours du XXe siècle prenant en compte les problématiques de développement durable. Son terrain d'étude est la commune de Castelmagno (Chastelmanh en occitan) qui compte plusieurs villages abandonnés.
Après une introduction générale sur la langue et la culture occitanes dans son ensemble, le mémoire fait un état des lieux des problématiques géographiques et historiques de la région du Val Grana, petite vallée au cœur des Alpes occitanophones d'Italie (région Piémont, province de Cuneo). Le Val Grana a été marqué après la seconde guerre mondiale par un mouvement de dépeuplement et l'abandon de nombreux écarts et hameaux au profit de régions industrielles vers Turin et la France. Le dernier chapitre étudie un projet agrotouristique pour la reconquête de ces espaces, celui de Valliera (commune de Castelmagno), prenant en compte les enjeux de préservation des ressources naturelles et de valorisation de l'héritage culturel, de développement économique.

Mémoire de fin d'étude de premier cycle (tesi di Laurea) sous la direction de Laura Bonato, Université de Turin, Faculté des langues et littératures étrangères, Sciences de la médiation linguistique, 2008-2009, en italien.

Consulter le document :

Consultable en ligne sur le site du projet de développement de Valliera autour de la marque « Des Martin » (http://www.desmartin.it) : consulter / télécharger le mémoire en .pdf
Mise en ligne : 17/01/2020
Tipe : Memòri universitari / Data : 2012
12 canti per conoscere l'Italia attraverso le passioni e la storia delle sue genti.
12 lingue per assaporare i colori e le sonorità di un territorio multiforme.

Lo spettacolo è un omaggio alle minoranze linguistiche storiche italiane, tutelate dalla legge 482 del 1999 "Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche". Nel 2011 è promosso dalla Provincia di Torino nell'ambito del progetto "Lingue Madri", nel programma di eventi dedicati al 150' dell'Unità d'Italia.
E' una creazione che unisce musica, canto, recital e multimedialità: il suono della lingua e una breve narrazione, affiancate da una cartina multimediale dell'Italia, accompagneranno lo spettatore in un appassionante cammino per le strade delle lingue minoritarie albanese, catalana, germanica, greca, slovena, croata, francese, francoprovenzale, friulana, ladina, occitana, sarda.
Uno spettacolo che riunisce voci appartenenti a esperienze, climi e territori estremamente lontani tra loro, ma forti e ricchi proprio di questa diversità. 12 canti per 12 lingue è un viaggio fatto di arrivi e partenze, di fatica, di lotte e di amore per il territorio, di suoni e colori diversi di luogo in luogo ma uguali nel cuore delle persone. A guidarci è la lingua e quindi l'espressione, la comunicazione delle culture che in epoche diverse e per motivi differenti si sono ritrovati ad essere italiani.
I cinque artisti appartengono alle minoranze occitana e francoprovenzale e portano con sé l'esperienza del bagaglio artistico delle proprie valli offrendo la possibilità di affiancare allo spettacolo momenti di confronto e scambio culturale: stages di musica e ballo, bal folk, laboratori di lingua e cultura occitana e francoprovenzale.
Mise en ligne : 17/01/2020
Tipe : Memòri universitari
QuBa Libre è un duo acustico che propone musica popolare della tradizione occitana sia per il ballo, sia per l'ascolto, con strumenti tradizionali e non.

Il nostro repertorio è come un viaggio in musica che attraversa tutta la regione occitana: partendo dalle nostre vallate alpine, arriva fino ai Pirenei e propone diverse musiche da ballo che vanno dalle più sfrenate curente vernantine, fino alle intense mazurke francesi, passando per scottish, rigodon, danze basche, bourrée a due e tre tempi, circoli, chapelloise e molto altro..

Simonetta è maestra di ghironda e organetto diatonico, collabora da molti anni con Sergio Berardo alla diffusione della musica e della cultura occitana e da quindici anni calca le scene della musica tradizionale facendo ballare migliaia di appassionati e incantando tutti col suono antico e misterioso della sua ghironda. Quest’anno è stata insignita della prestigiosa “targa mestre” (maestro, in occitano) in occasione della XXV festa dei “Lou Dalfin”.

Giuseppe è un vero “musicista popolare”, non ha studiato la musica, ma la suona da sempre, ascolta le melodie e le restituisce talvolta pari pari, talvolta reinventandole a modo proprio. Suona la chitarra, la fisarmonica e l’armonica a bocca e vanta numerose collaborazioni sia in ambito popolare , sia nel contesto della musica d’autore. E’ anche autore, compositore ed arrangiatore di numerose canzoni. Laureato in Lettere, concilia i suoi progetti musicali con l’attività di insegnamento presso il Liceo Artistico e Musicale di Cuneo.

Il sound dei QuBa Libre è per sua natura intenso ed energetico, con qualche venatura romantica, ma diventa ancora più coinvolgente e completo quando il duo si trasforma in un quintetto grazie alla collaborazione di alcuni straordinari musicisti con cui all’occorrenza collabora, tutti provenienti dall’universo occitano.
Mise en ligne : 17/01/2020
Tipe : Memòri universitari / Data : 2003
Lo truc è una formazione che nasce intorno al 2003 con l’intento di proporre musica tradizionale occitana e di propria composizione attraverso uno studiato connubio tra le differenze timbriche dei differenti strumenti della tradizione, unendo il suono della ghironda a quello della cornamusa , quello dell’ organetto a quello del galoubet,cercando, grazie alla poliedricità dei tre musicisti, di esplorare varie combinazioni di suoni e strumenti.
Mise en ligne : 17/01/2020
Tipe : Memòri universitari

La chambra d’oc è un’associazione culturale che ha come principale scopo quello della tutela, promozione e diffusione delle lingue occitana e francoprovenzale e francese. Collabora attivamente con Comuni, Unione di Comuni, Città Metropolitana di Torino, Regione Piemonte per l’applicazione della L. 482 del 1999 “Norme a tutela delle minoranze linguistiche storiche” su tre principali filoni di intervento: Sportelli linguistici, Formazione, Promozione della cultura. Gli Sportelli linguistici sono a disposizione della cittadinanza e degli enti istituzionali per servizi di traduzione e per animazione territoriale, un importante lavoro viene svolto sul web con produzione di materiali audio e video in lingua, dizionari informatizzati, testi letterari, musicali, attualità. Si opera nel campo della Formazione con corsi di lingua on line e con corsi frontali. Per quanto riguarda la promozione culturale vengono proposti laboratori linguistici e spettacoli di nuova creazione che abbracciano i campi della musica, della danza, del teatro, della letteratura e della multimedialità.

Mise en ligne : 17/01/2020
Tipe : Memòri universitari

Un progetto musicale che coniuga danza e poesie sulle note di brani di composizione ispirati a poeti e grandi pensatori di epoche e culture diverse.

Le lingue utilizzate sono quelle delle minoranze linguistiche storiche delle valli alpine piemontesi: occitano, francoprovenzale e francese.


BLU L'AZARD è un gioco di parole e linguaggi: azard (fr. hasard) significa caso, possibilità, occasione ma anche destino, quindi azard potrebbe significare anche l'azzardo ma se scritto lazard, sia in francoprovenzale che in occitano, significa “ramarro” (fr. lézard), la grande lucertola colorata caratterizzata da uno spiccato senso della curiosità. Così il nome del gruppo può indicare un blu ramarro, che è uno dei colori più vistosi di questa grande lucertola, oppure un poetico blu destino, un destino blu, il blu del caso, un blu della possibilità, il blu dell'azzardo, il blu del Romanticismo, i fiori blu di Queneau... e così via, ognuno può scegliere l'immagine e la metafora che preferisce, preferibilmente colorata e che il destino, il caso o un ramarro ci faccia incontrare.
Mise en ligne : 17/01/2020
Tipe : Memòri universitari / Data : 2016-04-01
Musica endemica. Come un fiore, come una malattia. E' la musica che trova una profonda ragione di esistere nel legame con una terra, una storia, una cultura, una lingua. Un sogno.
Dalle nostre vallate, lembo estremo, porta orientale di un'area grande e variegata, uno spazio di parola e civiltà che a volte non viene capito e riconosciuto nemmeno da chi ci vive, quelle vallate scavate nelle Alpi dai fiumi e dai ghiacciai, quelle montagne segnate da sentieri e graffiti, tracce di una presenza umana antica e tenace, da lì parte il viaggio di Lou Dalfin, un itinerario che è fatto di musica, di storie, di emozioni, di ricordi, di fantasia.
In questo disco, cui il lavoro maieutico di Madaski ha saputo fornire i colori giusti, si srotola un ulteriore capitolo della saga, suddiviso in una serie di canzoni che definiscono meglio di tanti studi antropologici e linguistici l'essenza e la natura della cultura d'òc. Perché è di questo che si tratta. Lou Dalfin racconta l'Occitania attraverso la propria vita, non come se descrivesse un mondo visitato ma come se le rocce, gli alberi, le case, le persone vive e passate, le strade, le montagne parlassero di voce propria facendoci scoprire la ricchezza e la profondità di un universo.
E le tappe sono tante, dai coscritti/eroi del XVII che nel 1907 si rifiutarono, a Beziers, di sparare sulla folla in lotta, ai giganti Ugo di Vinadio, montagne umane nel turbine della Belle Epoque, alle vittime della crociata del 1209, come l'annegato di Muret che continua a guardare il cielo, oggi solcato dagli aerei, al western provenzale della banda dei piemontesi, reduci della Guerra d'Indipendenza incapaci di adattarsi alla pace, portati sulla beata (nome gergale della ghigliottina) dopo aver terrorizzato la popolazione con una serie infinita di assalti alle diligenze.
Sono storie del passato e del presente; I vilejants un invito di Ulisse a restarsene a casa, preferendo alle falsità turistiche l'esplorazione delicata e profonda dei propri cammini, oppure il delirio del traffico metropolitano in una città sorella come Barcellona, nei Taxis de Barcelona, in cui passato e presente danzano insieme sulla Diagonale. O la parabola sul provincialismo cuneottero narrata in Provincia Clandestina, grottesco e malinconico racconto di un concerto di Manu Chao a Cuneo. O nel noir del Darrier Gardian, ultimo abitante di una borgata spopolata che uccide per avere compagnia i turisti felici e colorati.
Canzoni (rigorosamente in forma di danza) e brani strumentali, culminanti nell'evoluzione della montagna sacra dell'età del bronzo chiamata Roccerè. L'Angel de Serrabona, valzer di commiato, è una canzone in catalano, lingua scelta per rimarcare il legame degli occitani con quel popolo coraggioso che sta lottando per il proprio futuro. Ed è al futuro che le ghironde e le cornamuse dell'ultimo trovatore e il suo mucchio selvaggio guardano perché vengono dal passato e cantano per ricordarci che un pezzo del nostro domani è proprio in quei suoni antichi.
Mise en ligne : 17/01/2020
Appartient à :
Marduk Records
sus 3